Università degli Studi di Napoli
Parthenope
Sei in HOME » TEMI DI RICERCA
Chi siamo
Corsi
Ricerca
Docenti
Partnership
Tema: LOGISTICA AVANZATA E TRASPORTI

La logistica avanzata, i trasporti e le aziende che operano nel settore sono uno dei temi rilevanti su cui il Dipartimento di Studi Aziendali ed Economici è riuscito fin da subito ad aggregare un gruppo interdisciplinare di studiosi, traendo profitto in breve tempo dalla diversità dei raggruppamenti scientifici che compongono il Dipartimento. Tra le tematiche trattate da questo gruppo: il rapporto tra logistica economica e lo sviluppo economico; il settore ferrotranviario, il management delle aziende dei trasporti pubblici locali e la gestione strategica dei porti turistici.

Settore ERC del gruppo:
SH1_10; SH1_12; SH1_2.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. MOSCHERA Luigi.

BERNI Alessia
CANALE Rosaria Rita
FIORENTINO Raffaele
GARZELLA Stefano
LANDRIANI Loris
NAPOLITANO Oreste
SCALETTI Alessandro


Tema: STRATEGY, BUSINESS CONTROL AND INFORMATION SYSTEMS

Il Gruppo di ricerca ha come obiettivo l’analisi, lo studio e la comprensione delle principali variabili e dei principali strumenti qualificanti la gestione strategica e i processi di controllo strategico e direzionale delle aziende.
L'attività del gruppo di ricerca si articola intorno a tre principali filoni di ricerca che vengono sviluppati tanto singolarmente quanto, e soprattutto, nelle loro reciproche interconnessioni.
Nel primo filone di ricerca particolare attenzione è dedicata agli aspetti tipici dei processi di sviluppo delle aziende nel contesto economico generale, agli attori che vi partecipano e ai riflessi sulla creazione di valore. La valutazione della performance e l’identificazione delle modalità per apprezzare il successo e la bontà delle principali operazioni di sviluppo aziendale, come M&A, network e alleanze strategiche, strategie di sviluppo interno, internazionalizzazione, ecc. sono oggetto specifico di studio.
Un secondo filone riguarda lo studio dei modelli e degli strumenti di rilevazione delle operazioni aziendali e di reporting economico-finanziario e non, con enfasi sui modelli di controllo amministrativo contabile, direzionale e strategico. Attenzione è dedicata anche ai, sistemi di armonizzazione e standardizzazione del linguaggio contabile in un contesto nazionale ed internazionale.
Un terzo filone si occupa dello studio delle implicazioni dell'information and comunication technology nelle aziende. Particolare risalto è dedicato ai modelli di valutazione dell'impatto delle tecnologie digitali sui processi di gestione delle informazioni per il decision making. Nel convincimento che le tecnologie informatiche costituiscono un elemento pervasivo dei processi gestionali e decisionali, al tempo stesso oggetto di studio e output del Gruppo, tra gli obiettivi vi è anche quello di sviluppare, avvalendosi dei modelli e dei sistemi di ICT, strumenti gestionali e applicativi.
Il campo di ricerca del Gruppo, pertanto, muovendo dalle motivazioni e dagli obiettivi delle principali azioni aziendali, indaga – mirando altresì al loro sviluppo e miglioramento - i moderni strumenti di strategic intelligence, business intelligence, budgeting e reporting, di cui i sistemi multidimensionali bilancianti, modulari e integrati costituiscono un centrale nucleo di riferimento.
Sono inoltre condotte verticalizzazioni per indagare specifici business, singole strategie e peculiari processi gestionali.
Il tutto è svolto avendo come costante riferimento un’analitica e aggiornata review della letteratura aziendale italiana e internazionale sul tema.

Settore ERC del gruppo:
SH1_10; SH1_8; SH1_9; SH2_11.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. GARZELLA Stefano.

Componenti:
BONACCHI Massimiliano
CORONELLA Stefano
FIORENTINO Raffaele
FERRI Salvatore
LAMBOGLIA Rita
MANCINI Daniela
RISALITI Gianluca
SERINI FABIO

ALTRI COMPONENTI:
DELLA CORTE Gaetano


Tema: CONTABILITÀ E MANAGEMENT DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Il gruppo di ricerca del dipartimento si inserisce in un ampio programma, che intende (i) analizzare l'evoluzione delle aziende pubbliche in termini di natura, funzioni, relazioni, ecc.; (ii) individuare i destinatari reali e potenziali dei flussi informativi e i relativi fabbisogni, anche in relazione alle diverse dimensioni dell’accountability; (iii) valutare la capacità degli attuali sistemi informativo-contabili di soddisfare adeguatamente tali fabbisogni; (iv) formulare teorie, metodi e principi contabili coerenti con i punti precedenti.
Il progetto limita l'analisi al solo livello di governo degli EE.LL. La scelta di limitare l'analisi a un solo livello di governo è prevalentemente dovuta a considerazioni di fattibilità. La scelta di focalizzarsi sul livello locale è suggerita dal profondo cambiamento in atto nel ruolo dei comuni, in prevalenza, dalla crescente rilevanza di tale ruolo, basti pensare alle logiche federaliste che richiedono lo sviluppo di innovativi sistemi di governance.
A questo è necessario aggiungere due possibili rischi legati alla riforma dei sistemi informativo-contabili di questo livello istituzionale: il possibile equivoco sul concetto di 'autonomia contabile' dei singoli enti e il rischio di cadere in quella che Olson et al. (2001) definiscono la 'trappola della misurazione'. Con riferimento al primo aspetto, è necessario sottolineare che l'autonomia istituzionale e gestionale riconosciuta agli enti diversi dallo Stato non può significare libertà assoluta di dotarsi di regole contabili proprie. Con questo non si vuole negare ai singoli enti pubblici la possibilità di dotarsi di strumenti contabili per finalità informative interne. Si vuole però ribadire che all'aumentare dell'autonomia istituzionale e gestionale deve aumentare anche la responsabilità; che uno strumento fondamentale di responsabilizzazione è l'obbligo di sottoporre ai portatori di interessi (contribuenti, utenti, creditori, ecc.) documenti contabili che offrano una rappresentazione 'veritiera e corretta' della situazione aziendale, non solo in sé, ma anche in quanto confrontabile nello spazio e nel tempo; che un sistema pubblico in via di decentramento deve quindi porre grande attenzione alla fase di rendicontazione e di confronto delle performance conseguite dai diversi enti. Si noti, tra l'altro, che laddove permangano forti meccanismi perequativi, i 'contribuenti' cui è destinata la rendicontazione non si limitano alla collettività amministrata, ma si estendono all'intera comunità nazionale (anche attraverso gli enti di livello istituzionale superiore).
La 'trappola della misurazione', invece, riguarda il rischio di rispondere alla difficoltà di misurazione dei 'prodotti' dell'amministrazione regionale (non sempre facilmente definibili, soprattutto per il ruolo di ente 'regolatore') con sistemi informativi sempre più analitici e strutturati, ma relativi ad aspetti e dimensioni non sempre rilevanti. Ne conseguono: (i) la finalizzazione dei sistemi di misurazione alla misurazione in se stessa anziché all'efficacia, anche comunicativa, delle informazioni prodotte; (ii) la riallocazione di risorse pubbliche dall'erogazione dei servizi alla gestione del sistema di misurazione e controllo (March 1984; Olson et al. 2001; Humphrey et al. 1993; Jones et al. 2001).
La ricerca, dopo un'analisi della letteratura sia nazionale che internazionale, intende innanzi tutto indagare le caratteristiche attuali dei sistemi informativo-contabili delle amministrazioni pubbliche locali in Italia e nei principali paesi UE che presentino ordinamenti di tipo 'federale' e/o significativi processi di 'devoluzione' (Germania, Spagna, Regno Unito). Tale analisi costituirà il punto di partenza per sviluppare: - uno schema concettuale di riferimento sui fabbisogni informativi emergenti in seguito al nuovo ruolo degli EE.LL., sui destinatari dei flussi informativi, sulle modalità di comunicazione più adeguate; - un approfondimento specifico sui fabbisogni informativi legati alle esigenze di governance delle relazioni interistituzionali; - un'analisi delle caratteristiche dei sistemi di rilevazione più coerenti con i fabbisogni informativi individuati, con particolare riferimento alla scelta della basis of accounting (la tradizionale contabilità finanziaria, di competenza finanziaria e/o di cassa, la contabilità economico-patrimoniale finora tipica delle imprese, oppure ancora un sistema più ampio che comprenda le due) e dell'eventuale grado di integrazione dei sottosistemi di rilevazione (per esempio sistemi derivati, in cui i documenti di contabilità generale sono derivati dalle rilevazioni e dalle sintesi di contabilità finanziaria; sistemi paralleli, dove contabilità finanziaria e contabilità economico-patrimoniale coesistono ma sono privi di collegamenti formali; sistemi integrati, dove contabilità finanziaria e contabilità economico-patrimoniale coesistono e sono tecnicamente integrati); - una prima valutazione sulla coerenza dei principi contabili internazionali per le amministrazioni pubbliche (in particolare gli IPSAS) con i fabbisogni informativi individuati.

Settore ERC del gruppo: SH1_10; SH1_12; SH1_8.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. D'AMORE Mariano.

Componenti:
DE SIMONE Elina
FIUME Raffaele
MERCURIO Lorenzo
POZZOLI Stefano
ROMANELLI Mauro
SCALETTI Alessandro
SALVATORE Domenico


Tema: INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ

Il gruppo si occupa di studiare le potenzialità di innovazione che il contesto regionale esprime. Questo gruppo di ricerca interdipartimentale studia il comportamento organizzativo e le sue relazioni con le dinamiche a livello aziendale, interaziendale e di sistema economico con un focus sulle performance.

Settore ERC del gruppo:
SH1_10; SH2_11; SH4_4.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. FERRARA Maria.

Componenti:
BUONOCORE Filomena
BRIGANTI Paola
CARILLO Maria Rosaria
COZZA Valentina
FIERRO Paolino
AGRIFOGLIO Rocco
METALLO Concetta
ROBERSON Loriann
ROMANELLI Mauro
SALVATORE Domenico
SAPIO Alessandro
VARRIALE Luisa


Tema: ENERGIA, ISTITUZIONI, POPOLAZIONE E CRESCITA ECONOMICA SOSTENIBILE

Il gruppo di ricerca si occupa delle seguenti tematiche: Impatto delle fonti rinnovabili sui Prezzi dell'Energia elettrica; Produzione di Energia da Fonti rinnovabili; Integrazione dei Mercati Energetici nel Mediterraneo; Interconnessione tra Reti Energetiche; Coevoluzione tra Tecnologia e Istituzioni nel settore energetico; Analisi Econometrica dell'offerta di energia elettrica; Mercati dei certificati di efficienza energetica; Scelta intertemporale nello sfruttamento delle risorse naturali; Valutazione delle politiche energetiche; Tecniche finanziarie per l'analisi dei mercati energetici; Energia, Istituzioni e crescita economica sostenibile; Energia e specializzazione regionale, Effetti dei flussi migratori e sostenibilità dello sviluppo economico, salute e sviluppo economico.

Settore ERC del gruppo:
SH1_1; SH1_4; SH1_7; SH2_10; SH2_6; SH3_1 ; SH3_3 ; SH3_5 ; SH3_6.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. CARILLO Maria Rosaria.

Componenti:
BONASIA Mariangela
CANALE Rosaria Rita
CAPUANO Valeria
CAPASSO Salvatore
CAROLEO Floro Ernesto
DI MAIO Michele
DE SIMONE Elina
DE SIANO Rita
D'UVA Marcella
FIORILLO Damiano
FRENI Giuseppe
FIORENTINO Raffaele
GARZELLA Stefano
ALDIERI Luigi
LOMBARDO Vincenzo
ALTAVILLA Carlo
MARSELLI Riccardo
NAPOLITANO Oreste
PAIELLA Monica Pia Cecilia
ROSSANO Diego
SAPIO Alessandro
VENITTELLI Tiziana


Tema: CRISEI

Le finalità del Centro sono:
promuovere lo sviluppo della ricerca di base ed applicata e la diffusione dei risultati nel mondo accademico e negli enti di ricerca pubblici e privati su: sviluppo economico, ruolo delle istituzioni e della loro organizzazione nel promuovere lo sviluppo stesso, i fattori critici che influenzano la crescita economica quali il funzionamento del mercato del lavoro, le istituzioni di politica economica, i mercati finanziari e le loro organizzazioni.
contribuire alla formazione di tipo specialistico nell'uso di particolari attrezzature scientifiche e nell'applicazione di nuove tecnologie e di nuove metodologie di indagine scientifica; contribuire alla formazione di livello universitaria e post-universitaria.
organizzare incontri seminariali, corsi e convegni, svolgere attività di assistenza, progettazione e formazione anche mediante contratti e convenzioni con enti pubblici e privati;
promuovere la diffusione dei risultati delle ricerche condotte, attraverso la pubblicazione di working paper, monografie, opere collettanee o saggi su riviste specializzate;
promuovere l'integrazione in sistema delle attività di ricerca, favorendo in particolare la collaborazione tra le strutture scientifiche dell'Ateneo, tra queste ed altre Università, Enti di ricerca e mondo imprenditoriale;
fornire specifiche competenze ad enti pubblici e privati che ne facciano richiesta, secondo modalità stabilite da apposite convenzioni; stimolare iniziative di collaborazioni interdisciplinari sui temi dello sviluppo economico, sul ruolo delle istituzioni pubbliche e private e sulle politiche economiche finalizzate alla riduzione dei divari regionali con particolare riferimento al Mezzogiorno.

Settore ERC del gruppo:
SH1 ; SH1_1 ; SH1_11; SH1_2; SH1_5; SH1_7; SH2_1; SH3_7.

Responsabile scientifico/Coordinatore: Prof. CAROLEO Floro Ernesto

Componenti:
BONASIA Mariangela
CALZA Francesco
CANALE Rosaria Rita
CAPASSO Salvatore
CARILLO Maria Rosaria
DI MAIO Michele
DE SIANO Rita
DE VITA Alberto
D'UVA Marcella
FABBRI Giorgio
FRENI Giuseppe
ALDIERI Luigi
LOMBARDO Vincenzo
ALTAVILLA Carlo
MARSELLI Riccardo
MOSCHERA Luigi
NAPOLITANO Oreste
PORZIO Claudio
SAPIO Alessandro
ESPOSITO Marco
ZATTONI Alessandro


Ritorna